La Sardegna verso Assisi 2021

Il 3 e 4 ottobre i Vescovi della Sardegna guideranno il pellegrinaggio ad Assisi e offriranno così l’olio per la lampada che arde sulla tomba di San Francesco. 

A distanza di 20 anni dall’ultima volta l’Isola sarà protagonista di questo gesto di devozione che l’Italia nutre verso il patrono d’Italia.

Mons. Antonello Mura – Presidente della Ces

Nella conferenza stampa convocata in Seminario regionale per presentare l’iniziativa, il presidente della Conferenza episcopale sarda, monsignor Antonio Mura, introducendo i lavori, ha ricordato come la Chiesa isolana e la società civile si prepareranno all’appuntamento di ottobre. «Mi sembra importante sottolineare – ha detto Mura – come sia necessario lavorare insieme. Forse san Francesco opererà un piccolo miracolo nell’aiutarci a guardare all’appuntamento di ottobre mettendo insieme risorse, attenzioni, sensibilità, e anche a livello istituzionale e religioso, tutto ciò che può essere utile per camminare verso questo traguardo». «L’importanza di questo sguardo comune – ha aggiunto il Presidente – vede protagonista la Conferenza episcopale e, mi fa piacere sottolinearlo, anche promotrice di questo sguardo».

Monsignor Roberto Carboni – delegato per il pellegrinaggio

A monsignor Roberto Carboni, francescano, Arcivescovo di Oristano e Amministratore apostolico di Ales – Terralba, il compito di delineare il percorso che l’iniziativa ha avuto nel corso degli anni, una tradizione che si ripete ormai da 82 anni, con la Sardegna cinque volte pellegrina ad Assisi per offrire l’olio: nel 1948, nel 1963, nel 1981 e nel 2001 e la quinta il prossimo ottobre.

«La lampada – ha detto monsignor Carboni – porta scritto tutto intorno il verso dantesco “Altro non è che del suo lume un raggio”, per ricordarci come i Santi, attraverso la loro santità, non fanno altro che esprimere il simbolo una luce, che proviene però da un Sole ben più grande».

Sindaco di Cagliari – Paolo Truzzu

Ad accendere materialmente la lampada ad Assisi sarà il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, che nel suo intervento ha ricordato come, in questo tempo non certo facile, ci sia bisogno di ritrovarsi per lavorare insieme. «Viviamo un periodo nel quale – ha ricordato – la sofferenza della gente è tanta, per cui è necessario un forte richiamo all’unità, attraverso un confronto sulle cose importanti, con la capacità di capire ciò che è rilevante, per dedicarci principalmente alla sua realizzazione, tralasciando ciò che non è fondamentale ma è spirito di protagonismo».

Per Emiliano Deiana, presidente Anci Sardegna, il pellegrinaggio ad Assisi diventa occasione di rinascita. «La luce – ha detto Deiana – è l’elemento che può aiutarci nel tempo della rinascita. Mi auguro che la luce della lampada possa ispirare una rinascita collettiva della Sardegna ma anche di tutti i comuni d’Italia».

Secondo alcune testimonianze, la Sardegna ha accolto la presenza dei figli di san Francesco quando il Poverello era ancora in vita, ospitando all’inizio piccole fraternità francescane, che rapidamente hanno diffuso nell’Isola la spiritualità del Santo di Assisi, suscitando testimonianze di santità che hanno coinvolto religiosi e laici. 

La santità semplice e umile, vicina alla gente di sant’Ignazio da Laconi, portata avanti poi nel beato Fra Nicola da Gesturi o la presenza caritatevole di san Salvatore da Horta, o ancora la testimonianza martiriale del beato Francesco Zirano. A essi si aggiungono le Clarisse, che hanno seguito e seguono l’esempio di santa Chiara di Assisi, e quello di tanti laici e laiche, fra cui la beata Edvige Carboni, che hanno vissuto e vivono la loro vita cristiana attingendo dalla spiritualità dell’Ordine Francescano Secolare.

L’arrivo della delegazione sarda è molto atteso dai frati di Assisi, alcuni presenti alla conferenza stampa. Fra Marco Moroni, custode del Sacro Convento di Assisi, vede nell’offerta dell’olio «l’offerta dei cittadini d’Italia a San Francesco perché sia presente con la sua intercessione per la Regione che offre e per l’Italia tutta».

Fra Massimo Travascio, custode del Convento di Santa Maria degli Angeli, ha presentato il programma della due giorni. 

L’avvio il 3 ottobre la mattina con tre momenti: la presentazione del progetto «Rosa d’argento», del nostro tempo testimoni di fede, speranza e carità, l’offerta dei fiori e la celebrazione eucaristica nel «Transito di San Francesco». Sempre il 3 ottobre ma nel pomeriggio nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli la celebrazione dei Primi Vespri nel «Transito di San Francesco», presieduti dal Vice Presidente della Conferenza Episcopale Regionale, monsignor Giuseppe Baturi, con l’assistenza del cardinale Agostino Vallini, Legato Pontificio per le Basiliche di Assisi, dei Vescovi della Sardegna, del Vescovo di Assisi, dei Ministri Generali e Provinciali delle Famiglie Francescane, i pellegrini delle Diocesi della Sardegna. 

In serata altri tre momenti: alle 21.30 la veglia di preghiera nella Basilica, presieduta da fra Roberto Genuin, Ministro Generale dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini. 

Alle 21, nel Santuario di San Damiano, la Veglia con i giovani delle diocesi della Sardegna, presieduta da monsignor Corrado Melis, vescovo delegato per i giovani. Sempre alle 21, ma nel Santuario della Spogliazione, l’incontro tra monsignor Domenico Sorrentino, Arcivescovo- Vescovo di Assisi – Nocera Umbra  Gualdo Tadino, e il Vescovi della Conferenza Episcopale Sarda.

Il 4 ottobre, festa di San Francesco, la celebrazione Eucaristica presieduta da monsignor Antonello Mura, presidente della Conferenza Episcopale Regionale, con l’assistenza del cardinal Agostino Vallini, Legato Pontificio per le Basiliche di Assisi, dei Vescovi della Sardegna, del Vescovo di Assisi, dei Ministri Generali e Provinciali delle Famiglie Francescane.

Al sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, il compito poi di accedere la «Lampada Votiva dei Comuni d’Italia», con l’olio offerto dalla Regione Sardegna. Al termine dalla loggia del Sacro Convento il saluto e il messaggio all’Italia.

La chiusura del pomeriggio del 4 ottobre con Vespri Pontificali nella Cappella Papale e con benedizione all’Italia con la «Chartula».

Per quanto riguarda gli aspetti organizzativi sarà ogni diocesi a stabilire le modalità di viaggio dei pellegrini di ciascuna chiesa locale, la cui delegazione sarà composta da non più di 100 persone per diocesi.

Per l’occasione è stato coniato un logo, frutto del concorso della Conferenza episcopale sarda, vinto dal grafico Mauro Morittu di Alghero, della diocesi di Alghero-Bosa, che porta il nome di «Lughe-S, Luce Sarda». «Il logo “Lughe-S” – spiega l’autore – è immediato e molto versatile. Unifica il Tau francescano in maniera dinamica e intrecciata con varie simbologie. La S alla base rappresenta l’iniziale della Regione Sardegna che si trasforma in una strada, simbolo del pellegrinaggio e della comunità sarda. Al centro la fiamma che rappresenta la luce di Assisi, si trasforma nel pellegrino che in pieno spirito francescano vuole rendere omaggio al Santo Patrono d’Italia».

Il logo del Pellegrinaggio

di Roberto Comparetti

Potrebbe interessarti

Curia. Trasferimenti e Nomine 2022

TRASFERIMENTI E NOMINE ALES – TERRALBA 2022 In data 29 giugno 2022, Solennità dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo, il vescovo Roberto Carboni, ha proceduto alle seguenti nomine: Don Stefano

Agenda del Vescovo Roberto dal 20 al 29 giugno 2022

20: Udienze ad Oristano 21: Oristano, Incontro Uffici  pastorali diocesani, h. 10.30 24:   Sorradile: Pastorale del Turismo, messaggio al comparto Turistico – Oristano, Festa del Ss. Cuore di Gesù, 18.30 25:

Lascia un commento